Complesso Nuragico Janna ‘e Pruna

L’area archeologica è situata ad Irgoli sul Monte Senes, in posizione di dominio sulla valle del fiume Cedrino. Il complesso rientra nella categoria dei santuari di età nuragica dedicati al culto delle acque. Esso comprende due recinti sacri, un tempio ed altri edifici connessi alle attività del santuario. Diversi materiali

Museo Archeologico di Irgoli

Il Museo si trova nella vecchia sede municipale, accoglie nelle sue sale reperti provenienti quasi esclusivamente dal territorio comunale, collocabili in un arco cronologico che va dal Neolitico Recente al Medioevo. Ai materiali recuperati da raccolte di superficie si affiancano gli oggetti rinvenuti nelle recenti campagne di scavo dei monumenti

I Murales di Irgoli

Una delle caratteristiche di Irgoli sono i murales, dipinti bucolici che raccontano momenti di vita pastorale tratti dall’immaginario di artisti che li hanno vissuti; scenari futuristici intrisi di tinte forti; sequenze tracimanti una evidente passione musicale ma anche, accanto a dirompenti acerbe espressioni artistiche, opere compiute e arricchite nel dettaglio,

Irgoli più di 20 Chiese da visitare

I ricordi di Costantinopoli a Irgoli: del periodo bizantino sono la parrocchia (San Nicola) e altre dieci chiese, tutte idonee perchè restaurate negli ultimi decenni. I ruderi e la memoria di altri dieci edifici sacri testimoniano invece la grande fede che animava nel passato la devozione verso i santi. Il

Nuraghe Gulunie

Percorrete la strada che dal centro di Orosei conduce verso la spiaggia di Osala. Quasi in prossimità della fine della strada si gira a destra su una strada asfaltata in salita che conduce all’omonimo agriturismo. Arrivati in cima alla collina si svolta alla prima stradina sterrata sulla sinistra. La si

Nuraghe Mannu

Nuraghe Mannu si trova nel comune di Dorgali andando in direzione di Cala Gonone. Dopo alcuni tornanti un cartello turistico indica una strada sulla destra da seguire per arrivare al Nuraghe Mannu. Si percorre per qualche km una strada con copertura in cemento fino a che un altro cartello indica

Grotta del Fico

La Grotta del Fico si apre nella parete calcarea compresa tra le spiagge di Cala Mariolu e Cala Biriola, in uno dei tratti di costa più affascinanti della Sardegna. Per milioni di anni un fiume sotterraneo ha modellato le viscere della terra ricavando lunghe e contorte gallerie, dal 2003 facilmente

Grotta del Bue Marino

L’ingresso della grotta, che prende il nome dalla foca monaca che fino agli anni 80 la abitavano, è gigantesco e accoglie le imbarcazioni che trasportano i visitatori su un ampio pontile. La luce, riflessa dalla lingua di mare che si insinua nella roccia, illumina tra l’altro i petroglifi neolitici rappresentanti

Grotta Ispinigoli

La grotta di Ispinigoli cela al suo interno una colonna stalagmitica alta circa 38 metri, una delle più grandi d’europa,. La notevole sala presenta una profondità di 35 metri e un diametro di circa 80 metri. Altra particolarità di questa grotta è il cosiddetto Abbisso delle Vergini,un inghiottitoio profondo circa